Autogestione non vuol dire anarchia

Per quanto mi concerne la situazione all'ex-macello era assurda fin dall'inizio. Tant'è, si è tollerata l'occupazione molto a lungo: un po' perché non si vedevano le alternative, un po' per quieto vivere. Da qualche tempo, però, si assiste ad una crescente tensione: provocazioni, maleducazione, prepotenza. E poi, per finire, quanto successo nelle ultime ore. La misura ormai è stracolma. Aggredire degli agenti di polizia, nello svolgimento delle loro funzioni, è un atto inaccettabile! Punto e a capo. Ma come, siamo tornati ai tempi del far west dove ognuno si amministrava come meglio credeva? Da cittadino spero proprio che l'autorità agisca, finalmente, con la dovuta risolutezza perché vi è da chiedersi, se si lascerà correre come una bagatella anche questo episodio, quale sarà il prossimo passo? Non si vuole negare la possibilità, e l'utilità, di avere uno spazio autogestito a Lugano, ma questo a precise condizioni. Bene fa quindi il capo dicastero polizia Michele Bertini a mettere qualche paletto, perché autogestione non deve voler dire anarchia.

La Regione, 3 febbraio 2016